APERTURA NUOVA STAGIONE SPORTIVA A PASSO DI NORDIC WALKING

Siete alla ricerca di un’attività motoria da fare all’aria aperta in totale sicurezza scoprendo le bellezze naturalistiche del territorio Pisano ma non solo e coinvolgendo i muscoli del corpo a 360°? Se la risposta è SI, non vi resta che iniziare a fare il Nordic Walking.

Domenica 13 Settembre nel Parco di Coltano presso l’Agriturismo Lago le Tamerici puoi avvicinarti a questa disciplina sportiva direttamente con i promotori ufficiali della camminata nordica sul territorio Pisano, l’associazione Ampliamente Asd, che sarà presente nel pomeriggio con un punto informazioni e per lezioni dimostrative. Logo AMPLIAMENTE 2020

A partire dalle ore 15:00 fino alle ore 17:00 OPEN DAY & Campagna Tesseramento 2020/2021.

Prendi parte alle LEZIONI DIMOSTRATIVE DI NORDIC fit WALKING DI 30 MINUTI POTRANNO PARTECIPARE MASSIMO 10 PERSONE.

PRENOTA LA TUA LEZIONE DIMOSTRATIVA GRATUITA MA FALLO IN FRETTA I POSTI SONO CONTINGENTATI!!!

Invia un messaggio WHATSAPP – SMS al numero di segreteria 339.199.9121 o scrivi una e-mail a info@apassonordico.it indicando con l’orario che preferisci tra quelli sotto in elenco:

Orari delle lezioni dimostrative Nordic fit Walking:
1) dalle ore 15:00 alle ore 15:30
2) dalle ore 15:30 alle ore 16:00
3) dalle ore 16:00 alle ore 16:30
4) dalle ore 16:30 alle ore 17:00.
< Saranno adottate tutte le disposizioni in materia di anti -covid.>

“Un emozione va provata no spiegata …proprio come la nostra amata disciplina  sportiva, il nordic walking.” L.M.

  

“Lo Sport riparte in sicurezza” – Atletica Leggera & Nordic Walking

Lo Sport Riparte in Sicurezza è il nuovo rapporto redatto dal Politecnico di Torino per il CONI.Copertina Lo sport riparte in sicurezzaIn questo articolo si evidenzia la disciplina sportiva del Nordic Walking inserita come sappiamo tra le discipline dell’Atletica Leggera, mettendo in evidenza come la FIDAL ( Federazione Italiana di Altetica Leggera) e AICS ( Associazione Italiana Cultura Sport) l’ente sportivo tra i più importanti e noti nel settore sportivo dilettantistico, hanno redatto le loro tabelle.

“… questo studio serve per certificare i diversi fattori di rischio delle 387 discipline sportive facenti capo al CONI e al Comitato Italiano Paralimpico, fornendo indicazioni e azioni di mitigazione che possano accompagnare la ripresa dell’attività agonistica, quando sarà finito il lockdown, in virtù delle specificità proprie di ciascuna disciplina, con carattere temporaneo e strettamente legate alla fase di emergenza, sebbene alcune potranno essere utili anche ad emergenza superata.

Rapporto Fidal rischio contagio…è stato quindi richiesto alle Federazioni Sportive Nazionali, alle Discipline Sportive Associate e agli Enti di Promozione Sportiva – che hanno prontamente fornito la più piena collaborazione – di compilare un questionario analitico predisposto sulla base di un modello di analisi di rischio.Rapporto Aics rischio contagio

Il modello proposto evidenzia per ciascuna disciplina sportiva gli aspetti valutativi della distanza, dei dispositivi di protezione e della possibilità di utilizzo di tecnologie applicate allo sport (cosiddetta digitalizzazione).

È stato chiesto di indicare per ogni singola voce – applicata a ciascuna disciplina sportiva e con riferimento al luogo di pratica, nonché alla natura dell’evento (allenamento/gara) – il relativo fattore di rischio dove: 0= inesistente; 1=scarso; 2=medio; 3=alto; 4=elevato.

Il CONI ha da subito offerto il proprio contributo al decisore politico per l’individuazione dei fattori di rischio nello specifico settore sportivo. Sarà poi il Governo a decidere i modi e i tempi della progressiva ripresa di allenamenti e gare dei diversi sport, garantendo adeguati livelli di tutela della salute e sicurezza di tutti, come già fatto per altri settori importanti della vita del Paese. Infatti il titolo dell’iniziativa realizzata dal Politecnico di Torino è “Ognuno protegge tutti”, tenendo conto dei diversi fattori di rischio di ogni disciplina sportiva.

Per assicurare la ripartenza in sicurezza con gli allenamenti, il Report è integrato con il protocollo di screening ad hoc e le raccomandazioni elaborati dalla Federazione Medico Sportiva Italiana (FMSI), in qualità di Federazione medica del CONI e unica Società Scientifica accreditata dal Ministero della Salute per la Medicina dello Sport.” ( coni.it – News 28 Aprile 2020)

Il rapporto completo è consultabile a questo link:  LO SPORT RIPARTE IN SICUREZZA

La redazione coglie l’occasione per augurare a tutti i suoi lettori BUON 1° MAGGIO.

Camminare sui sentieri innevati a passo di nordic walking

Finalmente è arrivata la stagione tanto attesa per gli amanti della neve desiderosi di fare delle belle camminate o ciaspolate sui sentieri innevati.

foto by Ampliamente Asd

foto by Ampliamente Asd

In questo articolo troverete suggerimenti alla fatidica domanda: come mi vesto?

Vale sempre la parola d’ordine “abbigliamento a strati o a cipolla” ovvero vestirsi utilizzando due o più capi di abbigliamento, posti l’uno sopra l’altro, occorre essere versatili in base al clima e al tipo di allenamento e intensità in questo caso riferita alla camminata nordica.

Generalmente gli strati sono tre:                                                                                       1° strato base, first-layer o strato interno posto a diretto contatto con la pelle che ha il compito di lasciar passare il vapore acqueo all’esterno e di proteggere la pelle dal contatto con gli altri indumenti, meno delicati;                                                                 2° strato, o strato “calore”: per conservare il calore corporeo;                                          3° strato a contatto con l’ambiente esterno, è lo strato di “protezione” dagli agenti atmosferici (pioggia, vento, neve, UV ecc.), ma anche da tagli, abrasioni ecc.

Lo strato interno è quello che si indossa a diretto contatto con la pelle. Per questo, è comunemente costituito dall’abbigliamento detto “intimo”, quindi da maglie (T-shirt), calzamaglie, mutande e calzini. La funzione principale del primo strato consiste nell’allontanare il più rapidamente possibile il sudore dalla pelle, trasferendolo allo strato successivo o verso l’aria, per una rapida evaporazione e deve quindi essere traspirante. Allo stesso tempo, lo strato base deve garantire la massima libertà di movimento. Per quanto riguarda i materiali utilizzati, vengono generalmente utilizzati filati sintetici di Poliestere o Polipropilene; se elasticizzati ( Lycra / spandex o elastane), aderendo al corpo, gli indumenti dello strato base costituiscono anche una prima barriera contro la dispersione del colore corporeo. Per condizioni ambientali rigide, sono disponibili in commercio maglie intime, e pantaloni in pile di ridottissimo spessore, o in tessuto termico che trattengono ottimamente il calore corporeo, senza sacrificare troppo la traspirazione per garantire il massimo comfort, traspirabilità, velocità di asciugamento, protezione antibatterica e termoregolazione durante l’attività sportiva.

Lo Strato Intermedio/strato isolante, poiché svolge la funzione primaria di trattenere il calore. L’applicazione del secondo strato è necessaria quando la temperatura ambientale scende al di sotto di una certa soglia ed il primo strato non è più sufficiente a conservare una temperatura corporea confortevole. Se il secondo strato non rappresenta un indumento intermedio, ma lo strato più esterno (abbigliamento a due strati), deve offrire anche una certa protezione anti-vento e contro la pioggia. Queste caratteristiche sono offerte dai cosiddetti “soft shells”ossia indumenti progettati per garantire ottima traspirabilità, tenuta anti-vento e un grado di impermeabilità e idrorepellenza sufficiente a proteggere da pioggia leggera o neve.                                 Se il secondo strato rappresenta un indumento intermedio, solitamente il materiale di riferimento è il pile o “fleece” un materiale soffice e piacevole al tatto, particolarmente caldo in rapporto al suo peso e dotato di un’eccezionale velocità di asciugatura. In commercio è disponibile in varie grammature; all’aumentare della pesantezza crescono anche le capacità di isolamento termico.

Lo strato protettivo o strato esterno che deve avere la funzione di proteggere l’organismo da eventi atmosferici particolarmente intensi, come vento forte, freddo intenso o pioggia battente, offrendo al contempo una certa protezione da urti, abrasioni e strappi di solito definiti “hard shell” (guscio duro), che risultano totalmente impermeabili ad acqua e vento pur conservando, un certo grado di traspirabilità e sono la soluzione ideale per le attività in cui è prevista lunga camminata sotto la pioggia o neve. Invece per affrontare condizioni di tempo fresco, freddo e ventoso, ma senza aspettare la pioggia, è più indicato uno strato esterno come il soft shell.

L’abbigliamento dello strato esterno è costituito da berretto copricapo invernale, giacche, sottoguanti o guanti e sovrapantalone o pantalone tipo sci però in softshellI leggero e funzionale, fornisce grande comfort per una migliore vestibilità, poiché non rimane largo e ingombrante, un vantaggio rispetto ai tradizionali pantaloni da sci e potrete infatti utilizzarli anche come pantaloni “normali” nelle giornate più fredde.

Tra scarpa e pantalone, se trovate neve troppo alta, è opportuno indossare le ghette, un gambale che vi proteggerà dal fastidioso ingresso nella parte superiore delle scarpe di neve ghiacciata o fango/acqua.

Ed ecco appunto come devono essere le nostre calzature, ovvio impermeabili ma comunque traspiranti, perché altrimenti l’effetto paradossale può essere quello di far sudare i piedi pur con temperature sottozero in particolare occorre ci sia una membrana intermedia tra la tomaia stessa e la fodera. La soluzione ottimale è il “gore -tex” il quale  fa da barriera per l’ingresso dall’esterno dell’acqua ma contemporaneamente garantisce massima traspirazione grazie ai suoi minuscoli “forellini” che fanno uscire il vapore acqueo che si forma nella scarpa a causa del sudore. Se si hanno caviglie deboli o in ogni caso vi è la paura di distorsioni o scivolamenti, si consigliano per una maggiore sicurezza una calzatura tipo scarponcino alto altezza caviglia o poco più, e per una migliore aderenza la suola scolpita, la dentellatura cosiddetta a “carrarmato”, è fatta per garantire la presa anche su terreni più accidentati. Con scarpe adeguatamente impermeabili e su molta neve fresca è molto divertente l’uso delle ciaspole  Attenzione alla neve che diventa compatta o peggio ancora al formarsi dei lastroni di ghiaccio, un ultimo consiglio potrebbe essere moolta attenzione utilizzare catene da scarpa oppure semplicemente cambiate percorso.

Infine, e non per ultimo, i bastoncini da nordic walking vanno bene sia i modelli telescopici, che si possono adeguare all’altezza della profondità della neve o ad asta fissa in ogni caso se pensate di andare a ciaspolare su molta neve, meglio posizionare sui puntali le rotelle apposite da neve, più larghe rispetto a quelle standard, che eviteranno di fare sprofondare i bastoncini nell’atto delle vostre vigorose spinte.

Un augurio a tutti di buone camminate e allenamenti invernali e ricordate:

“Non esiste buono o cattivo tempo, ma solo buono o cattivo equipaggiamento.” R.B.P.

Passione Trekking in festa 15 e 16 Settembre in Valdera!

Passione Trekking in festaNuovo evento sul territorio della Valdera nelle date del 15 e 16 Settembre 2018!L’iniziativa si chiama “Passione Trekking in festa” e avrà come base la zona sportiva (spazio sagre) a Cascine di Buti in provincia di Pisa. L’organizzazione è a cura di alcune associazioni del territorio Butese e altre limitrofi in collaborazione con il Comune di Buti con l’intento di far crescere e promuovere sempre di più lo sport all’aria aperta!.

Gli organizzatori vi invitano in modo particolare a partecipare al RADUNO di DOMENICA 16 dove sarete voi i veri protagonisti!.

“Muoversi nel verde e nella natura, è il modo più naturale per trarre  non solo giovamento fisico, ma anche piacere dall’attività sportiva: una splendida possibilità di sfruttare il corpo senza rompere il legame con l’ambiente che ci circonda, ritrovando pienamente l’equilibrio psico-fisico. Facendo attività all’aria aperta le tue prestazioni migliorano, perché ti distrai dallo sforzo più facilmente, il dispendio energetico aumenta, si consumano calorie, tutto diventa meno monotono e una volta conclusa l’attività avverti una sensazione di soddisfazione e benessere…” 

Questa è la filosofia da cui è nata questa iniziativa!

“Passione Trekking in festa” propone così questo nuovo evento dove troverete e potrete provare itinerari per camminate a passo libero, Nordic Walking, passeggiate a cavallo, battesimo della sella, show equestri, itinerari di mountain bike, prove/stage gratuite di danza e yoga, spettacoli musica animazione, stand espositivi dedicati al benessere, bar e stand gastronomici con specialità locali. L’area offre un ampio parcheggio e giochi per bambini.

Di seguito il programma in anteprima:

SABATO 15

ore 15:00 Apertura della festa con stand gastronomici e dei numerosi spazi dedicati al benessere, all’associazionismo e agli sport all’aria aperta

ore 15:30 – 19:00 Battesimo della sella (prima esperienza a cavallo per adulti e bambini)

ore 16:00 – 19:00 spettacoli equestri

ore 17:00 lezione dimostrativa di Nordic Walking

ore 18:00 Biodanza

ore 19:00 apertura ristorante con specialità locali

ore 21:00 Musica Show & animazione con balli Country

DOMENICA 16

ore 7:30 open bar colazione

ore 8:00 Apertura iscrizioni al Raduno “Passione Trekking”

ore 9:00 partenza percorsi a passo libero,Nordic Walking, fit walking, cavallo e bike. Attività non competitive con diversi percorsi e difficoltà. ( Disponibili spogliatoi e docce calde)

ore10:00 Apertura stand gastronomici e dei numerosi spazi dedicati al benessere  all’associazionismo e agli sport all’aria aperta.

ore 12:00 apertura ristornate con specialità locali

ore 15:30 – 19:00 battesimo della sella (prima esperienza a cavallo per adulti e per bambini)

ore 16:00 – 19:00 Spettacoli Equestri

ore 16:30 Lezione dimostrativa nordic walking

ore 18:00 Lezione dimostrativa di Yoga

ore 19:00 torneo di calcio (pulcini 2009)

ore 19:00 apertura ristornate

ore 21:00 Musica dal vivo, SHOW & ANIMAZIONE.

 

P.s: La presente informativa e il programma sopra riportato possono subire modifiche.

Cammino di Santa Giulia Nordic Walking e Yoga alla Festa delle Lucciole

Sabato 9 Giugno Eco-passeggiata e Nordic Walking sulle tracce del Cammino di Santa Giulia e a seguire sessione di Yoga sul prato. 

Nordi Walking e Yoga sul Cammino di Santa Giulia

Paesaggio nel Parco di Coltano (PI)

L’iniziativa si svolgerà nel pomeriggio e inizierà alle ore 16:30 e farà da apertura alla 4° edizione della “Festa delle Lucciole”.

Sarà un’occasione per scoprire un luogo incontaminato, conoscere un cammino storico naturalistico ed evocativo attraverso il suo pioniere, fare una passeggiata salutare seguita da un tecnico sportivo, per poi proseguire attraverso la pratica dello Yoga condotta da un operatore olistico.

Per info e iscrizioni inviare una mail a info@apassonordico.it oppure chiamare il 339.199.9121.

La Festa delle Lucciole è organizzata dal Comitato Provinciale AICS di Pisa e si svolgerà presso il parco della Biodiversità nello scenario naturale della Tenuta di Coltano (PI). 

Per vedere il programma completo della Festa delle Lucciole 2018 ed i suoi protagonisti clicca > QUI

Il Cammino di Santa Giulia – inaugurazione e convegno nel paese di Buti

“… pellegrini, viandanti, camminatori in cerca di sapori storici, in continua ricerca spirituale e coinvolgenti sensazioni personali…” C.P.

Sabato 27 maggio si terrà presso il Teatro Francesco Di Bartolo a Buti, la presentazione ufficiale de “Il Cammino di Santa Giulia” che entra ufficialmente tra i vari “cammini” Italiani che coniugano fede, natura e storia.

santagiuliaUn cammino rievocativo con tappe che si snodano su più Comuni e Regioni Italiane. L’itinerario ha inizio dalla città di Livorno per proseguire con diverse tappe tra cui: Calci, Buti, Lucca, fino ad arrivare a Brescia nel monastero dedicato alla santa.

Ed ecco in esclusiva per i nostri lettori il programma dettagliato del convegno:

ore 8:30 Iscrizione e accoglienza ospiti

ore 9:30 Presentazione di Matteo Parenti – consigliere con delega alla cultura di Buti

Interventi:

” Il cammino nella spiritualità cristiana” – Gabriele Zaccagnini, consultore della Congregazione per le Cause dei Santi

“Santa Giulia nella storia e nell’agiografia” – Gianni Bergamaschi, studioso di Agiografia

” Il Culto di Santa Giulia a Buti” – Franco Lari, storico di Buti

” La valorizzazione degli itinerari culturali” – Sabrina Busato Presidente F.E.I.S.C.T. (Federazione Europea Itinerari Storici Culturali e Turistici)

Intermezzo teatrale di Attori Butesi sul Cammino di Santa Giulia

ore 11:30  Presentazione del progetto del Cammino di Santa Giulia -Carlo Picchietti, ideatore del Cammino

Interventi degli ospiti

A conclusine:  saluto del Sindaco di Buti, Alessio Lari

  • Pranzo a Buffet presso il Parco Danielli

ore 15:00 spostamento a piedi* dalla Piazza Garibaldi in direzione della Chiesa di S.Maria della Neve ( detta dell’Ascensione) o in bus navetta

ore 16:30 sosta alla chiesa come tappa del Cammino di Santa Giulia

Visita guidata ai lavori di recupero con gli interventi di:

saluto del Capo Contrada Ascensione

Gino Bernardini – Gruppo “Panicale, un tempo”

Maria Grazia Ristori – Soprintendenza ABAP Pisa

Consorzio Pisarum restauratrici

Franco Lari

Gianni Bergamaschi

ore 18:30 inaugurazione foresteria del Cammino di Santa Giulia

ore 19:30 cena conviviale

Ai Sig.ri convegnisti che intendono trattenersi per il pranzo e la cena conviviale sarà consegnato un ticket omaggio dalla Segreteria del Convegno.

Concludiamo l’articolo con la riflessione/ domanda: l’itinerario è adatto e “idoneo” alla pratica della Camminata Nordica? Lo scopriremo provando?

* La camminata è aperta anche ai praticanti di Nordic Walking: info@apassonordico.it

L’associazione locale “Ampliamente Asd-Aps” con i suoi Istruttori Nazionali di Nordic Walking vi invita a partecipare numerosi.

Festa dei Camminanti… presenti!

20140329_134956Si è concluso da appena una settimana l’evento “Festa dei Camminati ” ma ogni giorno se ne parla sempre di più.

Ma che cos’era ? Qui riportiamo le motivazioni, il pensiero alcune parole che sono diventate fatti di questa bella iniziativa:

“Una festa dove la passione dei camminatori per l’andar passo dopo passo per luoghi e paesaggi si sposi all’amore di chi quei paesaggi li abita.., tra chi va e chi stà, per una festa per i camminanti che perseguono la propria stella, passo dopo passo, ovunque e ogni giorno.Ci proponiamo di diffondere accoglienza e movimento, di coniugare stare e andare. Vogliamo diffondere nei partecipanti sufficiente passione per la prima attività dell’uomo…” 

La manifestazione che ha avuto luogo nei giorni 28/29 e 30 Marzo nel borgo medievale di Vicopisano (PI) proponeva diverse attività dai molti cammini provenienti dai paesi limitrofi a momenti di convivialità tra arte libri lezioni per grandi e piccini.

arriviAnche alla nostra associazione è stata data l’opportunità di inserirsi in questo contesto nella giornata di sabato 30. Abbiamo realizzato varie proposte iniziando dalla mattina con un bel risveglio muscolare e un “walking tour” alla scoperta del nostro piccolo borgo” Butese” e nel primo pomeriggio il nostro cammino denominato: “Da Buti a Vico Apassonordico”. L’itinerario di 8km dedicato agli amanti del nordic walking  ha voluto dare comunque la possibilità anche a chi non camminava con i bastoncini di unirsi ugualmente al nostro cammino percorrendo gli ultimi 3 km insieme. Il percorso da Buti in direzione Vicopisano si è snodato tra i centri storici dei due borghi e tra le strade immerse negli oliveti apprezzati moltissimo dai partecipanti. Al punto di arrivo presso il frantoio di Vico ci ha accolto la “merenda dei camminanti” con prodotti locali del frantoio ovvero ottime bruschette degustazioni di olio dai vari sapori speziati, acqua e del buon vino san giovese tutto andato a ruba!

Per  concludere ringraziamo ancora tutta l’organizzazione di “Festa dei Camminanti” che ci ha inserito nel loro evento, i partecipanti alla nostra iniziativa, il comune di Buti per  il patrocinio e il supporto organizzativo e  i nostri soci che hanno partecipato anche nell’aiuto logistico. il frantoio per la visita guidata al suo interno, i bus navetta e la simpatia dei piloti.

bastoncini su

“sembrava di essere in un’altra realtà …che bella giornata…siamo in trentino? tutti camminano….quanti sono?…dove guardi vedi camminare…bello questo verde….che bel paesino…buono il sangiovese…bello spuntino…mi prendo un’altra bruschetta o meglio faccio il giro…ci sono tante persone che camminano con i bastoncini….” Alcuni commenti dei partecipanti.

Bellissima iniziativa il nordicwalkINsiena

Cari Nordici Senesi avete fatto un bel figurone parola nostra!

indicatore nwsiena

Si è concluso con grande successo l’evento del nordicwalkinsiena organizzato dall’associazione “Si Va N.W. Siena” che ha visto la partecipazione di oltre 300 appassionati nordic walkers provenienti da ogni regione italiana ma non solo.

Potevamo mancare? Certo che no!.

Di buon e soleggiato mattino ci siamo trovati all’interno della Fortezza Medicea per il ritiro del numero marcia e maglietta dell’evento nel frattempo la giovane speaker della radio locale incominciava in diretta a fare alcune domande ad alcuni partecipanti ed ha beccato anche noi.(…).

riscaldamento

Come da programma dopo il  benvenuto e i saluti degli organizzatori e dell’assessore è iniziato il riscaldamento diretto dalla Master Trainer SINW Alessandra Cazzola con tanto di microfono e a tempo di musica. Appena terminato c’è stato il taglio del nastro che ha dato il via per invadere il centro. Il percorso segnalato sia da frecce che dal personale addetto proponeva la  visita delle 16 anziché 17 Fontanine (causa lutto in una delle contrade) e ad ognuna ci è stato dato un piccolo ricordo.

panorama

Una visita nella Città del Palio sicuramente interessante ed emozionante che ci ha permesso di ammirare ogni angolo del centro storico, vicoli e addirittura il passaggio all’interno del museo di contrada per ammirare il famoso “Carroccio”. Lungo il percorso non sono mancati i ristori dove abbiamo potuto degustare le prelibatezze dei dolci locali e non solo.ristoro

Grazie agli organizzatori per la loro iniziativa per noi è stata davvero una piacevolissima giornata. Un saluto a tutti con l’augurio di vedervi presto dalle nostre parti…nel Paese del Palio a Buti nelle terre Pisane.

Essere forti per essere utili!

Cari amici soci e voi che ci seguite o seguirete, arrivati alle festività Natalizie e prossimi a salutare l’anno 2013 Vi facciamo tantissimi auguri di Buone Feste a Voi e le vostre famiglie dedicandovi la citazione di Georges Hébert: “Essere forti per essere utili”.

Che questa citazione sia di buon auspicio per trovare nello sport non solo un beneficio personale ma condiviso, quella forza sia fisica che mentale che ci consenta di affrontare al meglio gli eventi della vita pronti ad aiutare il prossimo e vivere in armonia con la natura.

Vi aspettiamo per i prossimi appuntamenti corsi del 2014 sempre consultabili nella sezione calendario del sito della nostra associazione.

https://www.facebook.com/photo.php?fbid=715554795121999&set=pb.278266795517470.-2207520000.1387893710.&type=3&theater

 

 

Una bella passeggiata…tra “I tesori di Buti”

Passeggiando tra gli olivi

Domenica 24 Novembre 2013 abbiamo passeggiato “in casa” e in ottima compagnia.

Anche la nostra associazione ha contribuito con piacere all’iniziativa “I tesori di Buti” con “Passeggiando tra gli oliveti Butesi”. 

castel tonini nw

Ci siamo trovati in Piazza Garibaldi e impugnati i nostri bastoncini abbiamo iniziato il nostro percorso baciati dal sole e sotto un cielo azzurro privo di imperfezioni. Fatti i primi passi tra gli stand, posti per l’occasione per la rievocazione dei vecchi mestieri ed esposizione di prodotti locali, ci siamo diretti verso Castel Tonini costeggiando il  Rio Magno e le mura della splendida Villa Medicea. Rotto il fiato, scaldato il passo nordico, abbiamo proseguito per Castel di Nocco per arrivare all’ormai acclamato punto di ristoro posto sulla cima del Monte S’Agata.

 gli olivi

Tra una poesia,  “qualche” bruschetta rigorosamente condita con l’olio nuovo e alcune varietà di dolci, in pratica la parte dedicata al “mordic walking”, abbiamo ripreso la strada verso il centro concludendo felicemente questa bella mattinata.

 

 

Grazie al patrocinio del Comune di Buti e a tutti i partecipanti per la riuscita di questa iniziativa. in scesa da castel di nocco

Invitiamo i partecipanti soci e non, a inviarci le foto che avete scattato e anche un pensiero, commento, la vostra opinione su questa camminata  per poter fare un piccolo reportage che ci sarà utile per… lo scoprirete presto!    

La storia e le tradizioni diventano futuro.

Gruppo passeggiata