Capannori si prepara alla viandanza… e al turismo slow

Promozione, progettazione, valorizzazione, cultura sportiva sui cammini, questi i capisaldi della nuova sinergia stretta tra l’associazione Ampliamente, i comitati provinciali AICS (Associazione Italiana Cultura e Sport) di Pisa e Lucca e i gestori dell’Ostello La Salana di Capannori, che daranno vita ad una serie di appuntamenti con il tema principale: “Una strada da percorrere insieme!”. Ostello Ampliamente AICS

Gli incontri saranno gratuiti e saranno tenuti da Tecnici sportivi ed esperti di cammini/viandanza e del turismo lento, e dedicati a tutte quelle persone sia appassionati di cammini, sia coloro che si vogliono avvicinare a questa attività salutare, interessati a camminate brevi o medie o ad affrontare un lungo cammino, troveranno sicuramente in questi appuntamenti ottimi consigli o spunti da mettere subito in pratica.

I primi 2 appuntamenti si svolgeranno nella sala riunioni dell’Ostello di Capannori le date in calendario sono Sabato 23 e Sabato 30 Marzo.

Gli incontri saranno attivati con minimo di 8 iscritti  fino ad un massimo di 20 partecipanti. La prenotazione gratuita è obbligatoria e dovrà essere fatta entro 4 giorni prima della data in programma. Per prenotare basterà inviare una e-mail indicando la data preferita a: info@apassonordico.it

Gli incontri saranno dapprima teorici per poi passare alla pratica. Di cosa si parlerà?

” I cammini sono accessibili a tutti, non solo agli atleti. Anzi, più che la forza fisica è importante lo spirito, la motivazione con cui lo si intraprende. Tuttavia è un’esperienza importante, che richiede un minimo di preparazione organizzativa, mentale e fisica. Occorre dunque allenare il fisico a:
> camminare per alcune ore senza risentire eccessivamente dello sforzo;
> tollerare bene le sollecitazioni prolungate alle caviglie e alle ginocchia;
> tollerare il peso dello zaino;
> verificare le attrezzature che si è scelto di adoperare (soprattutto calze e scarpe);
> scoprire i propri punti deboli .” ( di Lorenzo Maio – Tecnico Sportivo Nazionale).

“Gli ostacoli sono quelle cose spaventose che vedi quando togli gli occhi dalla meta”. H.F. Preparativi alla viandanza 1

Camminare sui sentieri innevati a passo di nordic walking

Finalmente è arrivata la stagione tanto attesa per gli amanti della neve desiderosi di fare delle belle camminate o ciaspolate sui sentieri innevati.

foto by Ampliamente Asd

foto by Ampliamente Asd

In questo articolo troverete suggerimenti alla fatidica domanda: come mi vesto?

Vale sempre la parola d’ordine “abbigliamento a strati o a cipolla” ovvero vestirsi utilizzando due o più capi di abbigliamento, posti l’uno sopra l’altro, occorre essere versatili in base al clima e al tipo di allenamento e intensità in questo caso riferita alla camminata nordica.

Generalmente gli strati sono tre:                                                                                       1° strato base, first-layer o strato interno posto a diretto contatto con la pelle che ha il compito di lasciar passare il vapore acqueo all’esterno e di proteggere la pelle dal contatto con gli altri indumenti, meno delicati;                                                                 2° strato, o strato “calore”: per conservare il calore corporeo;                                          3° strato a contatto con l’ambiente esterno, è lo strato di “protezione” dagli agenti atmosferici (pioggia, vento, neve, UV ecc.), ma anche da tagli, abrasioni ecc.

Lo strato interno è quello che si indossa a diretto contatto con la pelle. Per questo, è comunemente costituito dall’abbigliamento detto “intimo”, quindi da maglie (T-shirt), calzamaglie, mutande e calzini. La funzione principale del primo strato consiste nell’allontanare il più rapidamente possibile il sudore dalla pelle, trasferendolo allo strato successivo o verso l’aria, per una rapida evaporazione e deve quindi essere traspirante. Allo stesso tempo, lo strato base deve garantire la massima libertà di movimento. Per quanto riguarda i materiali utilizzati, vengono generalmente utilizzati filati sintetici di Poliestere o Polipropilene; se elasticizzati ( Lycra / spandex o elastane), aderendo al corpo, gli indumenti dello strato base costituiscono anche una prima barriera contro la dispersione del colore corporeo. Per condizioni ambientali rigide, sono disponibili in commercio maglie intime, e pantaloni in pile di ridottissimo spessore, o in tessuto termico che trattengono ottimamente il calore corporeo, senza sacrificare troppo la traspirazione per garantire il massimo comfort, traspirabilità, velocità di asciugamento, protezione antibatterica e termoregolazione durante l’attività sportiva.

Lo Strato Intermedio/strato isolante, poiché svolge la funzione primaria di trattenere il calore. L’applicazione del secondo strato è necessaria quando la temperatura ambientale scende al di sotto di una certa soglia ed il primo strato non è più sufficiente a conservare una temperatura corporea confortevole. Se il secondo strato non rappresenta un indumento intermedio, ma lo strato più esterno (abbigliamento a due strati), deve offrire anche una certa protezione anti-vento e contro la pioggia. Queste caratteristiche sono offerte dai cosiddetti “soft shells”ossia indumenti progettati per garantire ottima traspirabilità, tenuta anti-vento e un grado di impermeabilità e idrorepellenza sufficiente a proteggere da pioggia leggera o neve.                                 Se il secondo strato rappresenta un indumento intermedio, solitamente il materiale di riferimento è il pile o “fleece” un materiale soffice e piacevole al tatto, particolarmente caldo in rapporto al suo peso e dotato di un’eccezionale velocità di asciugatura. In commercio è disponibile in varie grammature; all’aumentare della pesantezza crescono anche le capacità di isolamento termico.

Lo strato protettivo o strato esterno che deve avere la funzione di proteggere l’organismo da eventi atmosferici particolarmente intensi, come vento forte, freddo intenso o pioggia battente, offrendo al contempo una certa protezione da urti, abrasioni e strappi di solito definiti “hard shell” (guscio duro), che risultano totalmente impermeabili ad acqua e vento pur conservando, un certo grado di traspirabilità e sono la soluzione ideale per le attività in cui è prevista lunga camminata sotto la pioggia o neve. Invece per affrontare condizioni di tempo fresco, freddo e ventoso, ma senza aspettare la pioggia, è più indicato uno strato esterno come il soft shell.

L’abbigliamento dello strato esterno è costituito da berretto copricapo invernale, giacche, sottoguanti o guanti e sovrapantalone o pantalone tipo sci però in softshellI leggero e funzionale, fornisce grande comfort per una migliore vestibilità, poiché non rimane largo e ingombrante, un vantaggio rispetto ai tradizionali pantaloni da sci e potrete infatti utilizzarli anche come pantaloni “normali” nelle giornate più fredde.

Tra scarpa e pantalone, se trovate neve troppo alta, è opportuno indossare le ghette, un gambale che vi proteggerà dal fastidioso ingresso nella parte superiore delle scarpe di neve ghiacciata o fango/acqua.

Ed ecco appunto come devono essere le nostre calzature, ovvio impermeabili ma comunque traspiranti, perché altrimenti l’effetto paradossale può essere quello di far sudare i piedi pur con temperature sottozero in particolare occorre ci sia una membrana intermedia tra la tomaia stessa e la fodera. La soluzione ottimale è il “gore -tex” il quale  fa da barriera per l’ingresso dall’esterno dell’acqua ma contemporaneamente garantisce massima traspirazione grazie ai suoi minuscoli “forellini” che fanno uscire il vapore acqueo che si forma nella scarpa a causa del sudore. Se si hanno caviglie deboli o in ogni caso vi è la paura di distorsioni o scivolamenti, si consigliano per una maggiore sicurezza una calzatura tipo scarponcino alto altezza caviglia o poco più, e per una migliore aderenza la suola scolpita, la dentellatura cosiddetta a “carrarmato”, è fatta per garantire la presa anche su terreni più accidentati. Con scarpe adeguatamente impermeabili e su molta neve fresca è molto divertente l’uso delle ciaspole  Attenzione alla neve che diventa compatta o peggio ancora al formarsi dei lastroni di ghiaccio, un ultimo consiglio potrebbe essere moolta attenzione utilizzare catene da scarpa oppure semplicemente cambiate percorso.

Infine, e non per ultimo, i bastoncini da nordic walking vanno bene sia i modelli telescopici, che si possono adeguare all’altezza della profondità della neve o ad asta fissa in ogni caso se pensate di andare a ciaspolare su molta neve, meglio posizionare sui puntali le rotelle apposite da neve, più larghe rispetto a quelle standard, che eviteranno di fare sprofondare i bastoncini nell’atto delle vostre vigorose spinte.

Un augurio a tutti di buone camminate e allenamenti invernali e ricordate:

“Non esiste buono o cattivo tempo, ma solo buono o cattivo equipaggiamento.” R.B.P.

Immersi nella meravigliosa natura del Parco di San Rossore di Pisa

Parola d’ordine sport di aggregazione! Domenica 4 Dicembre a Pisa nel Parco di San Rossore dove si è svolto il “Nordic Walking Twinning Day” un gemellaggio simbolico tra le associazioni: Ampliamente di Buti (Pisa), Colline Toscane Nordic Walking di Prato, SiVa N.W. di Siena e il gruppo N.W. Sotto la Torre di San Miniato.

NWAampliparco

L’iniziativa proposta dall’Associazione Ampliamente che in collaborazione con le associazioni aderenti ha visto un afflusso di una cinquantina di soci partecipanti che ancora una volta hanno condiviso una bella camminata nordica stavolta all’interno del famoso parco Pisano.

L’allenamento con circuito ad anello si è tenuto nell’area di accesso libera che racchiude le principali caratteristiche naturalistiche della Tenuta di San Rossore. “L’itinerario si presenta con un terreno la cui morfologia evidenzia rilievi dunali e aree depresse, con le specie arboree predominanti in San Rossore: il bosco di specie igrofile, il bosco misto di specie mesofite e il bosco tipico delle dune che rendono l’insieme del parco un ambiente unico nel Mediterraneo.”**

Durante il percorso tra i raggi di sole che si infiltravano tra i pini, i colori autunnali e il clima mite che dava maggior vigore al passo e alla spinta sui bastoncini gli atleti delle associazioni si sono dovuti soffermare  alla vista degli sguardi curiosi di vari gruppi di Daini anche loro impegnati in una “sgambata” mattutina.

E in una giornata di riforma costituzionale ha vinto nuovamente lo sport all’aria aperta!

“Il miglior risultato si ottiene quando ogni componente del gruppo fa ciò che è meglio per sé e per il gruppo… Dinamiche dominanti, signori, dinamiche dominanti.”*

*(dal film A Beautiful mind)   ** (fonte sito ufficiale Ente Parco Migliarino San Rossore Massaciuccoli)

Che Luna!

Ampliamente luna pienaIn questo mese oltre ai nostri appuntamenti infrasettimanali e le escursioni domenicali (clicca qui per vedere le attività in corso), continuano le uscite di Nordic Walking con la Luna Piena e la  prossima imminente sarà proprio domani sera, Sabato 12 Luglio.

Dopo aver fatto visita illuminati dalla luna in vari borghi della provincia di Pisa, questa volta abbiamo in programma una bella passeggiata/allenamento con i nostri bastoncini in spiaggia lungo il Litorale Pisano per vedere e ammirare non solo la sua luce ma il riflesso tra le onde del mare, quella che è stata definita “superluna”!.

Visto che il calendario estivo 2014 prevede non una, ma tre Lune “immense”, oltre a  Sabato 12 luglio, faremo altre 2 fantastiche uscite serali e, senza scendere nei dettagli almeno per il momento, le prossime saranno: Domenica 10 agosto e Martedì 9 settembre.

LA SUPER LUNA (tratto da Focus.it):
“In termini scientifici, la super Luna è meglio nota come Luna al perigeo. Il nostro satellite segue un’orbita ellittica intorno alla Terra con un’estremità (il perigeo) 50 mila chilometri più vicina alla Terra rispetto all’altra (l’apogeo). Quando la Luna piena coincide con il perigeo sembra più grande e luminosa a un osservatore terrestre. Quella dell’anno scorso appariva il 14% più grande e il 30% più brillante del solito.
Questa circostanza si ripeterà tre volte nelle prossime settimane. Il 12 luglio e il 9 settembre la Luna diverrà piena lo stesso giorno del perigeo. Il 10 agosto addirittura la stessa ora del perigeo: una super Luna ancora più “super”.
La Luna arriverà al perigeo la mattina del 13 luglio alle 10.28 italiane. Dunque nella notte tra sabato 12 e domenica 13 la Luna sarà piena e prossima al perigeo. Sarà una super Luna.”
“Se c’è qualcosa che non ti va…dillo alla Luna!”

Tutti insieme al Mare d’inverno!

Foto di  gruppoDomenica 29 Dicembre c’è stato il raduno per l’ultima nordicata del 2013 oltre alla nostra associazione Ampliamente erano presenti: N.W. Firenze, N.W. Livorno, Toscana N.W. e Costa degli Etruschi.

Ci siamo trovati alle ore 10:30 a Torre del Lago in Versilia dove è iniziata la nostra camminata tra le dune e il mare, e nonostante un cielo grigio e un forte vento, è andato tutto bene e… se “l’appetito vien nordicando” la giornata si è conclusa con un bel pranzetto organizzato in un ristorante locale.

mare d'invernoAbbiamo fatto 2 ore di camminata per circa 8km. Siamo partiti da torre del lago e siamo arrivati vicino alla foce del Serchio. Ad occhio e croce eravano una cinquantina di nordici.

Grazie alla collaborazione delle diverse associazioni e la sinergia che ogni volta si crea tra gli Istruttori/Maestri e gli allievi/soci questi incontri fatti di semplicità ci vedono sempre più uniti verso nuove mete e nuovi proposti per un 2014 ricco di iniziative per far crescere e valorizzare sempre di più il nostro amato sport.

Buon anno ancora a Tutti Voi!