IL MIGLIORE RITMO DI CAMMINO DA SOSTENERE IN TEMPI DI COVID

IMG_20210320_174938

I camminatori lenti hanno quasi quattro volte più probabilità di morire a causa del COVID-19 e hanno oltre il doppio del rischio di contrarre una versione grave del virus!.

Lo affermano i ricercatori del National Institute for Health Research (N.I.H.R.) del Leicester Biomedical Research Centre condotto dal professor Tom Yates.

Cosa intendiamo quando parliamo di camminare lentamente?

Una velocità inferiore a 4,8 chilometri all’ora è definita lenta, la velocità invece di 6,4 chilometri all’ora è media/ veloce, altresì “vivace” abbastanza veloce è da 6,4 chilometri in su.

Premessa: gli scienziati stavano studiando i collegamenti tra l’indice di massa corporea e il ritmo di deambulazione legato al virus e in considerazione che l ‘obesità è un fattore di rischio per il Covid e in generale, hanno approfondito quel campo traendo nuovi risultati.

Lo studio su 412.596 partecipanti alla Biobanca britannica di mezza età ha esaminato la relativa associazione dell’indice di massa corporea (IMC) e il ritmo di camminata auto-segnalato con il rischio di contrarre una grave mortalità da COVID-19.

L’analisi ha rilevato che i camminatori lenti di peso normale hanno quasi 2,5 volte più probabilità di sviluppare covid-19 grave e 3,75 volte più probabilità di morire a causa del virus rispetto ai normali camminatori veloci di peso normale.

“Sono del parere che gli studi in corso sulla salute pubblica e sulla sorveglianza della ricerca dovrebbero prendere in considerazione l’inserimento di semplici misure di forma fisica come il ritmo di camminata auto-segnalato oltre all’IMC, come potenziali rilevatori di rischio dei risultati covid-19 che potrebbero in ultima analisi consentire migliori metodi di prevenzione che salvano vite umane. “

Lo ha dichiarato il professor Yates, ricercatore capo per lo studio e professore di attività fisica, comportamento sedentario e salute presso l’Università di Leicester, che continua affermando:

“Sappiamo già che l’obesità e la fragilità sono fattori di rischio chiave per i risultati covid-19. Questo è il primo studio a dimostrare che i camminatori lenti hanno un rischio molto più elevato di contrarre gravi risultati covid-19, indipendentemente dal loro peso.

“Con la pandemia che continua a mettere a dura prova i servizi sanitari e le comunità, identificare le persone più a rischio e adottare misure preventive per proteggerle è fondamentale.”

“I camminatori veloci hanno dimostrato di avere generalmente una buona salute cardiovascolare e cardiaca, rendendoli più resistenti agli stressanti esterni, compresa l’infezione virale, ma questa ipotesi non è ancora stata stabilita per le malattie infettive.

“Mentre grandi studi di database di routine hanno riportato l’associazione di obesità e fragilità con esiti COVID-19, i database clinici di routine non hanno attualmente dati sulle misure della funzione fisica o dell’idoneità.”

Un’altra scoperta chiave di questa ricerca è stata che i camminatori lenti di peso normale sono più a rischio sia per la grave mortalità da COVID-19 che da COVID-19 rispetto ai camminatori veloci con obesità. Inoltre, il rischio era uniformemente elevato nei camminatori lenti di peso normale e nei camminatori lenti con obesità.

Per maggiori dettagli e leggere il report dei risultati dello studio “Obesity, walking pace and risk of severe COVID-19 and mortality: analysis of UK Biobank”, potete consultare la pubblicazione sull’International Journal of Obesity. Lo studio èstato pubblicato il 26 febbraio 2021.

L’analisi è stata limitata all’Inghilterra e i risultati sono stati valutati durante la prima ondata della pandemia.

Quale miglior forma di camminata “di buon passo” possiamo scegliere meglio del nordic walking? . Buon movimento a passo nordico! (ndr)

IL MIGLIORE RITMO DI CAMMINO DA SOSTENERE IN TEMPI DI COVIDultima modifica: 2021-03-20T17:31:14+01:00da nwpisano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento